top of page

FOOD: PRODOTTI 'ESERCITO 1659' E STABILIMENTOCHIMICO FARMACEUTICO MILITARE A 'TASTE'

Nella vetrina della Fortezza da Basso, uno stand con i prodotti alimentari icona del

mondo militare per i 3 giorni dedicati alle eccellenze eno-gastronomiche d'Italia.




Firenze, 4 feb. (Adnkronos) - Anche quest'anno l'Esercito è presente a Taste

organizzato da Pitti Immagine presso la Fortezza da Basso con uno stand della

società licenziataria Fonderia del Cacao. Nei 3 giorni dedicati alle eccellenze

enogastronomiche d'Italia, il brand "Esercito 1659" far~1 rivivere alcune tradizioni

alimentari che hanno segnato la storia del mondo militare rendendoli disponibili in

commercio. Parliamo del Cioccolato Militare dell'Esercito, un fondente al 70%

avvolto nel suo storico packaging, ora come allora parte integrante della "Razione

K" utilizzata dai militari in attività operative, con l'obiettivo di contribuire a

rafforzare e sottolineare l'eccellenza italiana nel settore. Inoltre immancabili anche

al Taste 16 i prodotti simbolo dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare,

unità produttiva dell'Agenzia Industrie Difesa, quali il "Cordiale" o "l'Elisir di China"

memorie storiche e nicchie dell'eccellenza alimentare che hanno accompagnato

generazioni di soldati italiani. Il Cioccolato Militare fa parte della razione

giornaliera fin dal 1937 in quanto gustoso, energico e facilmente trasportabile.

Inoltre, è forte la volontà di tutelare l'ambiente con il riutilizzo di materiali: le

vecchie cassette di primo soccorso dell'Esercito hanno ripreso vita diventando un

originale packaging per generi di "pronto conforto", contenenti una degustazione

di cioccolato. Attese per il futuro ulteriori novità nel packaging con il riutilizzo di

altri materiali fortemente identitari non più in uso alle Forze Armate. In sintesi, una

consolidata sinergia che vede l'Istituzione e la società Fonderia del Cacao

impegnati nella promozione e diffusione della cultura del benessere alimentare

mediante l'utilizzo di componenti naturali purissimi che si aggiunge alla lodevole

opera dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare che, prosegue tutt'oggi la

produzione di quei farmaci "orfani" sui quali l'industria privata non investe per

scarsi margini di profitto e necessari per molti malati di patologie rare.

379 visualizzazioni0 commenti

Commenti


bottom of page